LOGIN


14 online
Skip Navigation LinksHomePage > Vini d'Italia > Puglia

Vini di Puglia


Vai al Database regionale

Mappa dei vini di Puglia Collocata in una posizione strategica che le ha permesso di avere frequenti scambi con numerose civiltà, ma la anche esposta alle invasioni da popolazioni ostili, la Puglia ha subito dapprima l’influenza dei Fenici e poi quella dei Romani, che ne hanno sviluppato la produzione vitivinicola.

Il contatto con popolazioni orientali ha favorito l’insediamento di vitigni come l’Aleatico, la Malvasia e il Moscato e la diffusione di tecniche di appassimento dei grappoli per la vinificazione di passiti. Tuttavia molti dei popoli che invasero la Puglia la saccheggiarono selvaggiamente, impoverendone le risorse in maniera drastica.

Dal punto di vista territoriale, la regione si presenta quasi priva di montagne che vengono sostituite da colline e da pianure. I terreni sono molto diversi fra loro e variano dal calcareo all’argilloso, fino al sabbioso. A parte il Tavoliere delle Puglie, tutto il resto della regione è povero di acqua e il clima è caldo-arido, con precipitazioni di appena 500 mm all’anno quasi esclusivamente concentrate in autunno e inverno.

La coltura della vite sta progressivamente valorizzando i vitigni autoctoni, quali il Primitivo, il Negroamaro, la Malvasia Nera, l’Aglianico, il Somarello Rosso, il Bombino Nero, l’Uva di Troia, l’Aleatico e l’Ottavianello fra quelli a bacca nera, o il Fiano, la Falanghina, il Bianco d’Alessano, il Bombino Bianco, l’Impigno e la Verdeca fra quelli a bacca bianca. Le forme di allevamento a espansione contenuta (Guyot, alberello, cordone speronato) sono quelle più diffuse, mentre la produzione di uve da tavola privilegia il tendone.

La Puglia conta 25 DOC accompagnate da alcune IGT e suddivise in quattro macro-aree: Daunia, Terra di Bari, Salento e Tarantino. In provincia di Foggia, la Daunia ospita le DOC Orta Nova, Rosso di Cerignola, Cacc’e Mmitte di Lucera e San Severo. Il Barese propone il Castel del Monte, il Gioia del Colle, il Gravina, il Locorotondo, il Martina Franca, il Moscato di Trani, il Barletta e il Rosso Canosa. Nella provincia di Lecce troviamo il Salento con le sue DOC Salice Salentino, Matino, Leverano, Squinzano, Copertino, Alezio e Nardò. Nel Tarantino infine si collocano le DOC Lizzano e Primitivo di Manduria.

Molte denominazioni di origine della Puglia sono declinate anche nella versione "rosato", con vini di lunga tradizione ed elevata piacevolezza. La superficie vitata molto estesa (circa 85.000 ettari) garantisce una produzione fra le maggiori d’Europa, ma la percentuale rappresentata dalle DOC raggiunge solo il 5%.

Fra i vitigni autoctoni della Puglia ricordiamo:
- la Malvasia Nera;
- il Negroamaro;
- il Primitivo;
- l’Uva di Troia;
- il Verdeca;
- il Bianco d’Alessano.

Vai al Database regionale


CONTATTI
Per informazioni, suggerimenti o segnalarci eventuali problemi puoi contattarci all'indirizzo info@amthewinersclub.com
In Winypedia non trovi un termine o vorresti suggerire di migliorare una definizione? Scrivi a winypedia@amthewinersclub.com
Hai provato un vino che ti è piaciuto e vorresti proporcelo per una recensione sul nostro sito? Scrivici a choice@amthewinersclub.com
Vuoi condividere con noi una ricetta o suggerirci un particolare abbinamento che hai provato? Scrivi a ricette@amthewinersclub.com
Se vuoi, puoi anche scriverci via posta ordinaria all'indirizzo: Servizio Clienti, Angelomenassi S.a.s., Via Goito 3 – 40126 Bologna, Italia.
Oppure contattarci al numero telefonico +39 051 0827005


Scarica la nostra APP per Android Disponibile su Google Play